Qual è la figura di un santo? Quella di un prete, di un guru, di un maestro “spirituale” o di qualsiasi altra figura che rappresenta dentro la nostra psiche l’immagine dell’essere buoni? Si è convinti e abituati a credere nel buonismo, abbiamo scritto più volte in questo blog del buono e del buonismo di meditazioni miracolose e mantra prolungati, lo rifacciamo per essere chiari. Dobbiamo prima comprendere però quanto l’abito non fa il monaco diceva mio nonno, quindi compreso cosa significa ciò proseguiamo poi con l’analisi del Santone di turno.  

Dunque, le parole sono i fatti? Se dico: sono una persona umile, compassionevole, brava e intelligente, che impatto ha nella realtà? Solo perché io lo professo a parole, che senso ha? Anzitutto, che significa essere compassionevoli, amorevoli, intelligenti? 

Pubblicità

Capita spesso che mi infastidisco per alcune circostanze e chi mi circonda giudica nell’immediato il mio fastidio in essere ritenendolo poco opportuno, non dà esempio, visto che scrivo e pubblico articoli simili…che figura e immagine hanno di me? pensano che io sia un santone, San Francesco o San Tommaso? Chi sono taluni? Pensate forse che una persona buona si trovi in circostanze estreme e si lascia menare, insultare, trattare in mal modo o che si esula da ogni piacere psicologico e fisico? Il sesso, il fumo, le droghe, la brama del potere, il successo, tutto questo è presente anche nei santi, nei preti, nei monaci, e in qualsiasi altra figura umana, ce ne accorgiamo solo quando lo scandalo si presenta. Pensate che il Santone è in grado di trascendere ogni giudizio esterno restando centrato obbligandosi a farlo e poi essere in conflitto con se stesso per tutte le prossime ore? Che non sia oppresso dalle brame descritte? Qualsiasi sia il vostro pensiero preso da una lezione online di un guru o coach personale, è sbagliato ai fini di gestire voi stessi interiormente e poi successivamente esteriormente. Un uomo sano, intelligente, consapevole della vita, la vive riflettendo costantemente sulle proprie azioni senza prendere le misure da alcun progetto o modello da Santone. Gli uomini hanno un progetto di vita e vivono secondo quel progetto. Si ha da progetto il come essere buoni, compassionevoli, amorevoli, intelligenti, fuori da tal progetto tutto è incomprensibile. Un paradosso che si porta avanti da migliaia di anni. Ora, lasciando stare il progetto presente nella psiche di ogni uomo, il modello da dover assumere per divenire buoni e amorevoli, tralasciando anche ogni gruppo di parole che voi assemblate per definire l’amore e la vita, cos’è realmente essere buono e intelligente? È intelligente un uomo che non risponde ad un insulto ma che uccide centinaia di animali mangiandoli? Senza neppure pensarci? Vi prego non scappate da questi discorsi, non è utopia, siamo noi nella reale vita. Ci definiamo intelligenti seppur uccidiamo, siamo crudeli con ogni forma di vita, e ci riteniamo buoni quando riusciamo a dare un euro ad un barbone. Bisogna comprendere la vita nella sua interezza prima di poter parlare di cos’è l’amore, il sesso, il lavoro, le relazioni, la compassione e qualsiasi altra cosa. Se continuaste a stare con il dito puntato volendo giudicare l’operato altrui, chi è o chi non è un Santone, finirete così per morire senza aver mai vissuto un minuto della vostra vita per come essa realmente è.

L’essenza della Vita è molto più profonda dal senso che gli uomini gli hanno attribuito con le loro parole assurde e immeritevoli, abbiate cura di scoprire la vita e voi stessi!

Saluti Antonio… 

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutto in Anteprima

La Newsletter

Lascia la tua email e riceverai gli aggiornamenti.

Visita il Parco Astronomico Lilio:

Canali Attivi:

Libri Disponibili:

Pagine

Prossima Uscita:

Guarda Anche

Articoli correlati