Condividi

Non paragonare superficialmente

Non ho niente da darvi e da proporvi, ho semplicemente qualcosa da dirvi.

Se ciò che vi dico lo trasformate in qualche cosa di malleabile, se gli date una forma, avete VOI costruito un pensiero e quindi un nuovo dogma. Agli uomini piace attribuire definizioni, considerazioni, ed è disposto a pagare qualcuno basti che gli dia qualcosa per cui sperare; questo tipo di comportamento resta un problema del singolo individuo o lettore e non di chi scrive. Potrete anche decidere di ripagarmi in una qualche maniera, ed io non rifiuterò certamente, però siate coscienti che è stata una vostra opera bensì non pretesa da me, perché io ribadisco non posso darvi nulla. Comprendo anche che quando troviate una persona che parla direttamente all’anima del vostro più profondo Essere, e quindi un parlare utile a se stessi al fine di ritrovare un equilibrio, vogliate in seguito la salute di quella voce. In questo caso non starete pagando chi scrive o chi vi parla, ma vi starete assicurando le parole di quell’essere “chiacchierone” che porta luce nella vostra oscurità.

Dunque siamo ormai abituati a paragonare, a considerare cose persone e miti, secondo solo la propria conoscenza limitata.

Quanto è attendibile la nostra conoscenza affinché la vita possa gioire?

Accedi al Canale Youtube

Se azzardiamo la considerazione in un discorso qualunque dobbiamo comprendere anche la responsabilità che ne ricopre questo comportamento sgradevole. Paragonarmi ad esempio ad altre persone presenti nel web, come spesso accade in voi stessi, è una considerazione meccanica seppur non c’è niente di male. Però, se sin dall’origine scartate le parole che vi scrivo considerandole superficiali perché ne avete le scatole piene di chi scrive sciocchezze simili, allora in questo caso state perdendo definitivamente la possibilità di risvegliarvi alla vita. Vogliate credere o no, vogliate essere in accordo o disaccordo con ciò che provate a leggere, ma confrontatevi prima di paragonare e considerare. questo è un comportamento da trasmutare nell’evoluzione dell’Essere. Se non vi è esplorazione della materia come anche delle parole, allora non vi è nemmeno comprensione. Così resta soltanto il considerare e il paragonare inutilmente.

È come avere un tetto di cemento armato senza pilastri, in realtà il tetto viene poggiato sui pilastri, quindi il tetto può esistere se non esistessero i pilastri a reggerlo. Possiamo immaginare un tetto senza pilastri, possiamo disegnarlo, ma non possederlo realmente e integralmente, altrimenti avremmo macerie e non un tetto come quello di una casa vera.

Se paragoniamo e consideriamo in modo superfluo, allora tutto è basato sull’immaginazione, niente di concreto e di esplorato. Tuttavia ciò non può essere niente di utile e costruttivo per l’evoluzione degli uomini. Procedere alla trasmutazione delle abitudini radicate in ognuno di noi, è il lavoro più importante da dover sostenere nella vita terrena, purtroppo però gli uomini amano vivere di sole abitudini.

Non paragonate, non considerate, ma esplorate la vita e tutto ciò che vi è in essa.

“Attendete ogni attimo ogni pubblicazione che vi propongo, che sono frutti di studi che dedico per la vostra liberazione dal tempo e condurvi a vivere su Marte come veri e puri esseri umani. So che a voi uomini piace vivere correndo, affannandovi verso dei credo e dei principi che solo la terra e il tempo vi permette di poter fare, ma credetemi osservandovi da Marte tutto appare come un inganno poiché la vostra meta è già rivelata.”

Meditate e se vorreste approfondire sta per uscire il nuovo libro “VERSO IL CAMBIAMENTO DELL’ESSERE”.

RIPETO: Solo per chi volesse approfondire!

Beati i pazzi, beati voi.

(METTI MI PIACE ALLA PAGINA E RESTERAI AGGIORNATO SUI MIEI POST CLICCA QUI)

IN BASSO TROVERAI IL MODULO PER RESTARE AGGIORNATO SULLE ATTIVITÀ PRINCIPALI 

Ritrovarsi in un mare in tempesta

fuori dal gregge