Ritrovare Se Stessi in questo mondo caotico

Perché dovremmo ritrovare noi stessi? In che modo e in che senso? Tutto è enormemente Caotico, cosa intendiamo dire con queste affermazioni? Si fa veramente difficoltà a comprendere tali argomenti, poiché addentrati in una società ormai satura di idealismi e personalismi. Abbiamo costruito di tutto, sia materialmente, tecnologicamente che spiritualmente. Telefoni, pc, smartphone, lavatrici, televisori, macchine, aerei, dottrine, filosofie di ogni genere, meditazioni e mantra a buon prezzo…tutte queste assurdità hanno fatto del mondo un disordine totale. È inevitabile smarrire se stessi in questo caos. Ora, in che modo ci stiamo muovendo per risolvere questo enorme problema? Peggio ancora, abbiamo veramente compreso che bisogna guarire al più presto possibile prima che la razza umana si venga ad estinguere? Ripeto, non sono argomenti comuni alla quale facilmente ci confrontiamo per riscoprirci, quindi dovete sforzarvi a riflettere con estrema attenzione su quanto detto.

Pubblicità

Dunque, in che modo viviamo e concepiamo la vita? Siamo armoniosi con ciò che ci circonda? Cosa mangiamo, beviamo e adoperiamo per sopravvivere? Perché non vi interessa analizzare la vostra vita seriamente nel profondo delle azioni? Paradossalmente lo si reputa poco opportuno ai fini di migliorare se stessi…così continuiamo ad essere ciò che siamo e perpetuiamo il caos in massa generazione dopo generazione. Fin ora abbiamo ascoltato i consigli dei preti, dei monaci, dei guru, dei maestri, degli scienziati, dove ci siamo ritrovati, dove ci hanno portato? Cosa ha generato di utile nel mondo? La fame, la guerra, il conflitto tra uomo e uomo, è svanito? Oppure dopo migliaia di anni di questi comportamenti rudimentali ancora oggi siamo nella stessa situazione? Quando mi domandate cosa scrivo, cosa penso, e di questo che vi parlo. Le poesie, i racconti di Dante Alighieri o le teorie di Freud, a poco servono quando ci ritroviamo innanzi alla sofferenza frutto del sistema psicologico che coinvolgi noi uomini. Bisogna mettersi in discussione intelligentemente per comprendere noi stessi in questo caos tremendo che proietta la razza umana coi i propri stupidi modi di fare e pensare. Senza isolarsi o diventare un eremita, senza distaccarsi dalla società sopprimendo le emozioni, quando scopriamo in che stato psicologico versiamo è inevitabile risvegliarsi. L’idea che avete di un uomo risvegliato, ossia colui che riesce a comprendere il caos e non farne parte, qual è? qualsiasi idea o immagine abbiate – è decisamente sbagliata. Spesso mi viene detto, tu sei diverso da tutti quanti, ma fai le stesse cose degli altri…cosa intendete dire? Perché sono diverso e poi uguale? Vi ho appena detto che bisogna riservare e coltivare la relazione con la vita, che rappresenta non solo ma anche gli uomini. Si è padroni di sé soltanto quando si è consapevoli del disordine interiore che ci coinvolge, così non faremo parte del caos tremendo che ha generato il pensiero umano. Dunque, come si può? Farsi sempre delle domande non è una cosa utile; osservarsi, essere attenti sui propri comportamenti e ciò che vi ho appena scritto, invece, può cambiare le carte in tavola.

Senza questo cambiamento la vita non sarà in noi, e noi non staremo affatto vivendo!

UN CARO ABBRACCIO…ANTONIO

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutto in Anteprima

La Newsletter

Lascia la tua email e riceverai gli aggiornamenti.

Visita il Parco Astronomico Lilio:

Canali Attivi:

Libri Disponibili:

Pagine

Prossima Uscita:

Guarda Anche

Articoli correlati